Libri di Marzo\Aprile 2016 | Wrap up

Ciao a tutti amici e amiche, come state? Finalmente eccomi qui a parlarvi dei miei libri letti nel mese di marzo e di aprile, che si sono rivelati pieni di lavoro e stanchezza. Per la prima volta sono a casa per due giorni (oggi e domani), quindi non potevo perdere l’occasione di scrivervi e recensirvi gli ultimi libri che ho letto in questo periodo.

I libri letti in questi due mesi sono:

  • Il Ritorno, di Diana Gabaldon;
  • La voce delle Onde, di Yukio Mishima;
  • L’Apprendista Assassino, di Robin Hobb;
  • La Vergine Azzurra, di Tracy Chevalier.

Il Ritorno ( La Straniera vol.3)

di Diana Gabaldon

il_ritorno_diana-gabaldon Continuano le avventure di Claire e Jamie Franser, e devo dire che finalmente ho ritrovato una storia avvincente e emozionante come è stato il primo libro della serie.

Devo ammettere però che le parti centrali del libro erano un po’ troppo lente, per quanto mi riguarda, mentre tutto il resto della storia è davvero ben scritta e piena di suspance.

Qui finalmente si ritorna di nuovo in Scozia: i due protagonisti sono tornati a Lallybroch, la tenuta di Jamie, cercando tra intrighi, spie e messaggeri di cambiare l’esito della storia, trovandosi sempre più in situazioni che spaziano dall’esultanza, alla sorpresa, alla frustrazione per l’inevitabile.

Devo dire che questa è prima coppia in assoluto nel mondo delle coppie che è realmente “vera”, nel senso che non si ricade in troppe parti diabetiche, anzi; l’amore qui è fatto di alti e bassi, di litigi e di riappacificazioni. Avvincenti le parti di battaglia, senza mai dimenticare di smorzare la tensione con molte parti esilaranti ( che secondo me rende il libro ancora più interessante). Non dimentichiamo le parti erotiche, non certo da sottovalutare.

Rating: ★★★★☆ 4*/5*

La Voce delle Onde

di Yukio Mishima

9788807887550_quarta Il mare in questo libro è quasi il perno da cui poi si dipanano tutte le vicende in questo piccolo paese di pescatori, in cui la vita è semplice e tutta in relazione all’attività della pesca.

Shiniji è un giovane ragazzo che si sta preparando a diventare pescatore, quando nella sua vita entra Hatsue, una bellissima ragazza proveniente dalla città.

Contro ogni aspettativa, Hatsue non sarà interessata al ragazzo più bello e popolare, ma proprio a Shiniji, e i due di nascosto cominciano a vedersi sul monte Utajima, posto lontano dalla vista degli abitanti curiosi.

Il libro di per sé è scritto molto bene, non annoia affatto e la scrittura fila liscia sino all’ultima pagina. L’amore genuino di questi due ragazzi mette dolcezza, e anche l’ambientazione riporta davvero in un ambiente marino Eppure c’è qualcosa che non va.

Non mi ha lasciato niente che mi sconvolgesse da dentro, o che mi prendesse a tal punto da non dover staccare gli occhi di dosso dalla pagina. Credo che non sia un libro da prendere come “serio”, ma se volete una lettura leggera senza troppe pretese questo può fare al caso vostro. Sufficienza comunque meritata.

Rating: ★★★☆☆3*\5*

L’Apprendista Assassino

di Robin Hobb

cover_l_apprendista_assassino_hobb_1024x1024Finalmente la meravigliosa casa della #Fanucci ha ristampato uno dei libri che tanto bramavo e desideravo avere nella mia collezione.

Questo libro va al di sopra delle mie aspettative generali. Questo libro è magnifico sotto ogni punto di vista.

Racchiude di bello tutto ciò che può esistere nella letteratura fantasy. L’ambientazione è meravigliosa ( medievale), inserito in un contesto magico ( buona e cattiva), personaggi indimenticabili come Fitz ( miodddddiooo come ti adoro!), il Matto ( come non adorarlo), Veritas e tanti altri.

Questo è uno di quei libri che ti cattura dalla prima riga, ti risucchia in un mondo nuovo, alternativo, ricco di avventure, magia, intrighi di corte e non dimentichiamoci, l’amore. Non ho più altre parole per descriverlo, leggetelo punto.

Rating: ★★★★☆4*\5*

La Vergine Azzurra

di Tracy Chevalier

414tbqvhubl-_sx323_bo1204203200_

Primo libro di una delle mie autrici preferite, libro che però non mi ha convinto al 100×100.

Il libro è ambientato in due epoche diverse: una nella Francia della seconda metà del 500, l’altra nella Francia dei giorni nostri. Tournier è il cognome che viaggia nel tempo e che collega una giovane donna di campagna dai rossi capelli vissuta tempi addietro e una ragazza americana giunta in Francia causa il lavoro del marito.

Ella Tournier ( Turner in americano), non si trova bene nel paesino in cui è stata costretta ad abitare a causa del marito, e i suoi strani sogni lo confermano. Delle parole e un colore, l’azzurro.

Isabella è una giovane ragazza quando per la prima volta le viene puntato il dito e decretata come la Rossa, seguace del maligno. Ma lei non è niente di tutto ciò, la sua è solamente una devozione d’amore verso la Vergine Maria.

Ella, dato che ha origini francesci, si mette a scavare sulle proprie origini prima per scampare dalla noia delle giornate, poi diventa per lui un chiodo fisso…e la porterà a conoscere il bibliotecario ( varda caso un bel pezzo di manzo) che la aiuterà con la sua ricerca.

Devo dire che appunto il mio cuore è diviso in due. La parte storica del 500 l’ho amata da impazzire, Isabella è costretta dal marito a donarsi a un dio che non le appartiene, è considerata una strega per via dei suoi capelli rossi, e tutte le altre vicende del paese rendo davvero interessante la lettura, che mi riporta al mio amato libro “La Ragazza con l’Orecchino di Perla”. Però poi la seconda protagonista, Ella, mi mette alquanto nervoso, perché è viziata, nevrotica, insicura e odiosa. E quando leggo di una protagonista che non ti piace purtroppo non riesci a goderti a pieno la storia. Resta pur sempre un buon primo romanzo, e la sufficienza è davvero meritata.

Rating: ★★★☆☆3*\5*

Vi ricordo che potete anche seguirmi su Instagram https://www.instagram.com/valentinadhara/

Voi cosa avete letto in questo periodo?? Ditemelo in un commento! ♥

Annunci

Cinque romanzi eclissati dalla fama dell’autore

Capita molte volte di associare un determinato autore ad un determinato libro della sua produzione senza badare a tutti gli altri romanzi da lui scritti. Mi rendo conto che anche io, molto spesso, tendo a snobbare un romanzo “minore” di uno scrittore che mi piace particolarmente solamente perché la sua opera di maggiore successo mi è piaciuta da impazzire – e mi auto-convinco che tutto il resto sia spazzatura-, non rendendomi conto che in realtà anche quei libri nascondo sorprese.

Infatti ci si sbaglia: a volte anche gli scritti minori – che minori proprio non sono- possono essere davvero romanzi straordinari e davvero coinvolgenti, e solo perché non sono diventati popolari sono comunque degni di interesse e considerazione; sono qui oggi per farvi una piccola carrellata di titoli di romanzi che secondo me valgono la pena di essere letti.

L’Abbazia di Northanger

Di Jane Austen

Jane Austen è celebre per aver scritto il famosissimo Orgoglio e Pregiudizio. Nessuno però parla mai di un altro suo romanzo – che a me è piaciuto particolarmente più di tutti di tutti gli altri-, ovvero L’Abbazia di Northanger, sicuramente il suo romanzo meno conosciuto e di meno successo. Scritto nel 1803 ma pubblicato nel 1818 dopo la morte della scrittrice, L’abbazia di Northanger racchiude in sé due tipologie di romanzo: quello sentimentale, tema che troviamo in tutti in tutti i romanzi della scrittrice e che costituisce la prima parte del romanzo, e quello gotico, che in quegli anni era molto in voga e che ne costituisce la parte centrale e finale. La protagonista di questa storia altro non è che una giovane donna, Catherine Morland- che l’autrice stessa descrive come anti-eroina-, con una spiccata immaginazione, un po’ ingenua e sempliciotta – vede il pericolo anche dove non c’è, sempre pronta a immaginare un fantasma dietro una tenda che si muove.-

A molti può risultare un romanzo noioso e non nello stile della Austen, ma secondo me invece ci sono tutti gli elementi di scrittura che caratterizzano questa scrittrice: l’ironia che usa per descrivere i suoi personaggi, l’ambientazione che per la prima volta è tratta da elementi gotici ( molti i riferimenti letterari a romanzi come I Misteri di Udolfo ) e la suspance mai così attiva come in questo romanzo – sempre frutto delle fantasie della protagonista.-

L’Arte di Correre

di Haruki Murakami

Haruki Murakami, conosciuto per aver scritto il famoso 1Q84, in questo racconto si mette a nudo e narra com’è nata la sua passione per la corsa. E’ uno stupendo autoritratto di uno scrittore-maratoneta, di come il suo amore per la scrittura e per la corsa ( che qui viene quasi intesa come salvezza e redenzione) serva a rendere l’equilibrio del suo corpo stabile e di vitale importanza per la sua vita. Infatti, dopo tanti anni passati a gestire un bar – che lo annientava, che lo distruggeva- Murakami decide di cambiare vita: chiuse il suo bar, smise di fumare e si dedicò a correre. Dapprima le prime difficoltà, come sentirsi fuori forma, stancarsi subito, ma pian piano che il suo corpo si abituò al movimento, la corsa divenne quasi un’esigenza fisica, una droga. Murakami scrive:

Perché scrivere è un’attività pericolosa, una perenne lotta con i lati oscuri del proprio essere ed è indispensabile eliminare le tossine che, nell’atto creativo, si determinano nell’animo di uno scrittore. Al tempo stesso, questo insolito libro propone però anche illuminanti squarci sulla corsa in sé, sulle fatiche che essa comporta, sui momenti di debolezza e di esaltazione che chiunque abbia partecipato a una maratona avrà indubbiamente provato.

Come non potersi innamorare poi della scrittura di questo uomo? Davvero coinvolgente e lineare, profonda e sincera, non banale e scontata. Davvero un bellissimo libro.

Robin Hood

di Alexandre Dumas (padre)

libro

Alexandre Dumas (padre) è conosciuto per il suo capolavoro quale è Il Conte di Montecristo. Molti non sanno che è anche l’autore del libro Robin Hood, il personaggio leggendario che vive nei boschi anglosassoni. Dumas per questo romanzo si ispira ad una vecchia ballata inglese, “Robin Hood and Guy of Gisborne”, di epoca e autore sconosciuto.

Robin, che vive nell’Inghilterra medioevale, è l’eroe senza macchia e senza paura, difensore dei deboli e salvatore di fanciulle indifese. L’autore descrive questo personaggio in tutte le sue sfaccettature ( rende una leggenda un personaggio palpabile, vivo),  descrive gli usi e i costumi del tempo – con pregi, difetti e contraddizioni- e accende l’attenzione del lettore con momenti di ricca avventura e con intrepide battaglie. Tra gli aiutanti del fuorilegge, troviamo il fidato Little John e molti altri personaggi nello sfondo della foresta di Sherwood. Per quanto questo romanzo possa essere un po’ deludente sotto certi punti di vista – la scrittura non mi ha fatto impazzire- la storia di Robin Hood è la storia di ognuno di noi: la storia di una ribellione, di un uomo che crede in una vita giusta, equa e senza ingiustizie. Ci spinge ad essere persone migliori sia per noi stessi che per gli altri.

La storia di Robin Hood è stata ispirazione per molti film cinematografici per adulti e bambini: ma per quanto i film siano cartonati, divertenti o drammatici, Robin Hood incarna la giustizia che alla fine vince sempre.

L’Oceano in Fondo al Sentiero

di Neil Gaiman

Come non poter citare uno dei miei scrittori preferiti? Neil Gaiman, conosciuto per aver scritto libri come Coraline, Stardust, The Sandman e molti altri, L’Oceano in fondo al sentiero è un racconto lungo, proprio di quelli che non riesci a staccare gli occhi dalle pagine. Se siete in astinenza delle atmosfere alla Tim Burton, questo libro farà per voi.

Il romanzo comincia quando il narratore lascia il cimitero dopo la fine di una cerimonia funebre e si mette alla guida della sua auto senza una destinazione apparente: in realtà va a visitare i luoghi della sua infanzia che non vede da tantissimo tempo. Alla fine si ritrova sul sentiero che porta a una vecchia fattoria e a uno stagno. C’è una anziana donna sulla porta, che lo conosce e gli offre una tazza di tè. Mentre aspetta che l’acqua bolla, il narratore viene trascinato di quarant’anni indietro dai suoi ricordi, quando un inquilino della casa di famiglia aveva rubato la loro auto, dentro alla quale si era suicidato, evocando antiche forze che andavano lasciate in pace. Da quei ricordi si scatenano oscure creature che vengono da chissà dove e il narratore deve ricorrere a tutte le sue risorse per sopravvivere. L’orrore più terribile e minaccioso crea devastazioni indicibili. E il narratore, che ai tempi era solo un ragazzino, dispone come propria unica difesa di tre donne di una fattoria in fondo al sentiero… La più giovane di loro afferma che lo stagno è un oceano. La più anziana si ricorda del Big Bang.

Non è strano se Neil Gaiman sia molte volte correlato a Tim Burton. Le atmosfere sono emozionanti, i personaggi sono tutti caratterizzati e ben definiti, e straordinarie sono alcune riflessioni di vita che l’autore ci pone all’interno del romanzo;

“Niente è mai lo stesso. Che sia fra un secondo o fra cent’anni. Le cose sono sempre lì che ribollano e s’intorbidano. E le persone lo stesso, cambiano quanto gli oceani.”

So che molti non lo considerano propriamente un bel romanzo, ma credetemi che ne vale la pena: dimenticatevi di tutti gli altri romanzi, e provate a prenderlo per quello che è- quindi un romanzo per ragazzi, quindi non dovete aspettarvi un capolavoro della letteratura per adulti-. Vedrete che alla fine anche voi vi ritroverete d’accordo sui ricordi d’infanzia di questo bambino, e vi risveglierà la parte più magica che è in voi.

Ps: E poi, chi non vorrebbe avere come amica una fata?

La Veneziana e altri racconti

di Vladimir Nabokov

La Veneziana è una racconta di racconti inediti che Nabokov, autore del più conosciuto libro Lolita, scrisse tra il 1923 e il 1925. Questi 13 racconti trattano di argomenti differenti, come la nostalgia della Russia, o di rivoluzione, d’amore o vendetta.

Per quanto siano racconti molto differenti uno dall’altra, la scrittura di Nabokov rimane sempre la stessa: meravigliosa. L’abilità della sua scrittura, che passa da essere nostalgica, a poetica e lirica, e cruda e realista, ci fa navigare in tutti quei sentimenti dell’animo umano. Ci fa arrabbiare, ci fa sognare e poi nette inquietudine. Davvero una delle raccolte di racconti più belle che io abbia mai letto.  Tra i miei racconti preferiti ci sono: Suoni, Gli Dèi, la Veneziana e il Drago. 

Quali sono i vostri cinque libri eclissati dalla fama dell’autore?

Ditemelo in un commento ♥

Mistborn, l’Ultimo Impero #1 di Brandon Sanderson | Fantasy Book Review

Lasciatemi spendere due parole riguardo questo libro. Dato che l’ho appena finito di leggere, vorrei darvi il mio parere a caldo. E dato che credo di essermi innamorata di questo romanzo ( quasi forse al pari del mio amato Rothfuss) vorrei convincervi che leggere fantasy non è soltanto per scappare dalla realtà, ma è qualcosa di più: è un viaggio, è l’avventura, è la scoperta di emozioni che a volte altri romanzi non riescono a darti.

Ma bando alle ciance: voglio parlarvi di quella meraviglia di libro Mistborn, l?ultimo Impero #1 di Brandon Sanderson. 

Brandon Sanderson, Mistborn. L'ultimo impero (Mistborn: The Final Empire, 2006) - FANTASY - Fanucci - Collezione Immaginario Fantasy - 2009 - traduttore: Gabriele Giorgi - pagine 696 - prezzo 22,00 euro -

Brandon Sanderson, Mistborn. L’ultimo impero (Mistborn: The Final Empire, 2006) – FANTASY – Fanucci – Collezione Immaginario Fantasy – 2009 – traduttore: Gabriele Giorgi – pagine 696 – prezzo 22,00 euro –

Trama In una piantagione fuori dalla capitale Luthadel, gli schiavi skaa sono oppressi come in ogni parte dell’Impero. Uno strano schiavo giunto da poco, con delle cicatrici sulle braccia, una notte uccide da solo il signorotto locale e le sue guardie, liberando poi i suoi compagni. Si tratta di Kelsier, un Mistborn, un uomo dagli straordinari poteri magici. A capo dei più potenti allomanti, dotati di abilità simili alle sue, Kelsier insegue il sogno di porre fine al dominio del despota divino; ma nonostante le capacità dei suoi compagni, il suo scopo sembra irraggiungibile, finché un giorno non incontra Vin, una giovane ladruncola skaa specializzata in truffe a danno dei nobili e dei burocrati dell’Impero. La ragazza è stata provata dalla vita al punto che ha giurato a se stessa che non si fiderà mai più di nessuno. Ma dovrà imparare a credere in Kelsier, se vorrà trovare il modo di dominare i poteri che possiede, e che vanno ben oltre la sua immaginazione…

Recensione E’ sempre bello per me potervi parlare di un libro che mi è piaciuto. Avevo sentito parlare di questo libro in maniere positivissime, e le mie aspettative erano alte. Non sono rimasta affatto delusa. Questo romanzo, anche se è seguito da altri 3 libri, può benissimo essere considerato a sé stante, grazie alla grandissima capacità dell’autore di aver realizzato un volume che comincia e “finisce” in sole 700 pagine ca.

In questo mondo il Lord Reggente è il “dittatore” di questo Ultimo Impero, dove i poveri skaa sono gli oppressi, talmente assorbiti dal potere negativo e potente del dittatore che mai in tantissimi anni sono riusciti a ribellarsi. Oltre agli skaa, i nobili stessi sono assoggettati dal potere del lord Reggente, anche se in modo meno esplicito in quanto riescono pienamente a vivere la loro vita tra balli, celebrazioni, incontri e quant’altro.

Tutti i personaggi di questo fantasy epico straordinario sono tutti ben caratterizzati, nessuno scontato o meno importante dell’altro. Anche l’eroe, Kelsier, seppur il protagonista centrale del libro, non è del tutto perfetto – inteso in senso caratteriale- in quanto solitamente in romanzi del genere ci si trova di fronte a personaggi indistruttibili, ovvero o totalmente buoni, o totalmente cattivi; Kelsier non è perfetto, e se per quanto cerchi di mostrare quel lato allegro e positivo di sé stesso, nasconde in realtà una nera sfaccettatura, fatta di segreti e dolori non espressi.

Un’altra cosa a favore di questo libro, è il personaggio femminile Vin, l’altra eroina della storia. Nella mia piccola esperienza da lettrice mi sono sempre imbattuta in donne passive, prive di qualsiasi capacità di difendersi e sempre dipendente dagli altri. Qui invece ci si trova davanti ad una protagonista -vi prego, passatemi il termine- cazzuta. E’ lei l’intrepida che si mette in gioco, che vuole difendere a costo della vita gli ideali che la sua nova vita le ha imposto. E’ lei che prende in mano la sua vita e riesce a sconfiggere tutti i mostri del suo passato grazie solo alla sua voglia di volere un futuro migliore.

Quello che mi ha catturato completamente è l’originalità dei poteri dei personaggi. Infatti non si parla della solita magia come la conosciamo noi – alla Harry Potter, per intenderci-ma qui si parla di allomanzia, ovvero un sistema di magia che funziona attraverso i metalli ( bruciare è il termine che si trova per farli agire). Gli allomanti si dividono in Misting, ovvero quelli che riescono a bruciare un solo metallo, e i Mistborn, ovvero quelli che riesco a bruciarne otto e quindi di rango superiore. Ad ogni potere è associato un metallo: ci si trova di fronte a persone che saltano da un palazzo all’altro, che modificano le emozioni a proprio piacimento, che riescono a spostare gli oggetti con la mente.

Credo che questo romanzo sia semplicemente un fantasy perfetto. Bisognerebbe avere l’opportunità di leggerlo, perché credo che una recensione come la mia sia troppo restrittiva per descrivere al meglio tutte le qualità di questo romanzo.

Posso solo dire che se siete grandi appassionati di questo genere, ma anche non, vi stra consiglio questo libro perché Brandon Sanderson è davvero grandissimo autore – pensate che è stato paragonato a scrittori come Robert Jordan, l’autore di un’altra grande serie di libri fantasy La Ruota del Tempo– e sicuramente non vi pentirete di averlo letto.

 Piccola discussione fuori dal tema Vorrei solamente fare un piccolo appunto. Non vorrei sfociare nella polemica, ma perché libri di questo genere sono tutti fuori catalogo? Mi rendo conto di aver parlato di un libro che praticamente si trova solo in ebook o in lingua originale, ma perché invece di pubblicare romanzetti stupidi come 50 sfumature, le case editrici non pubblicano solo libri di valore? Perché l’editoria italiana punta solamente al guadagno, invece che alla vera essenza della lettura?

Vi lascio con questo piccolo ma importante dilemma che da un po’ mi circola nella testa.

Voi che ne pensate?

V.